arginina levitra dove posso comprare il cialis a palermo dove posso acquistare viagra generico senza ricetta comprare cialis in italia e legale effetti collaterali viagra cialis levitra youtube le iene viagra cialis generico on line

Oggi il Coronavirus resta ancora l’argomento principale e più preoccupante. È vero, siamo usciti dal boom della pandemia, ma non riusciamo ancora a sentirci sicuri. Ed i casi, sebbene in Italia siano pochi rispetto a prima, ogni giorno sembrano risalire. Questo non fa altro che generare paure, insicurezze, preoccupazioni.

Ma d’altro canto, è pur vero che c’è tanta disinformazione, tanti luoghi comuni, tanti cambiamenti… positivi o negativi? Chissà! La situazione del Covid-19 ci ha costretti a fermarci, a chiuderci nelle nostre case per un bel po’; ma, dall’altro lato ha dato un grande e bello scossone alla digitalizzazione.

Pensa a quanti da casa hanno lavorato per produrre, produrre, produrre e impattar meno sulla crisi economica.

Pensa a come le aziende abbiano modificato le proprie organizzazioni per continuare a lavorare, non cedendo allo stato di fermo creato dal virus stesso.

Pensa oggi a come sono cambiati i processi e le attività aziendali: smart working, telelavoro, videoconferenze, webinar corsi online, sono diventati gli strumenti più utili per fronteggiare l’emergenza e per prevenire un’altra ondata epidemica.

L’attività lavorativa è cambiata

La pandemia ci ha messo davanti alla verità dei fatti: a quanto sia importante la tecnologia; a quanto sia importante cambiare mentalità; a quanto sia importante guardare l’altra faccia della medaglia e iniziare a vedere le cose da una prospettiva diversa.

È così, che per noi in Italia, è iniziata la rivoluzione della digital trasformation: una vera rivoluzione culturale.

Durante la pandemia, le aziende in poco tempo hanno attivato:

  • Smartworking
  • Telelavoro
  • Videoconferenze
  • Webinar
  • Corsi online
  • Coffee break virutali

È come se la digital transformation fosse avvenuta in modo del tutto naturale, e come se le digital skill fossero innate, senza sapere di averle nel proprio background, le abbiamo apprese talmente rapidamente da aprire nell’immediato la nostra consapevolezza e coscienza alle porte del cambiamento tecnologico.

Al fine di limitare i contatti e gli assembramenti molte aziende hanno adottato, velocemente, la modalità di lavoro in smartworking garantendo una continuità lavorativa e proficua in un momento davvero difficile.

Molte aziende sono state in grado di usare la tecnologia per ripensare al proprio modello di business per un futuro in chiave di trasformazione digitale.

Basti pensare alla formazione tradizionale in aula che a causa del Covid-19 è stata messa da parte per lasciare spazio alla formazione in modalità online in live. Tanti sono stati i webinar gratuiti, i momenti di interazione e condivisione con i team, con gli studenti, i clienti.

La verità è che le aziende, soprattutto in Italia dovrebbero uscire dalla propria zona di comfort e abbracciare la tecnologia e le soluzioni digitali per rendere possibile l’impossibile.

Dobbiamo prepararci per il futuro all’interno delle nostre stesse organizzazioni e diffondere la trasformazione culturale e digitale anche al di fuori di esse. Dobbiamo essere consapevoli ed accettare il grosso potenziale della digital trasformation.

 

Show Buttons
Hide Buttons