loader image

UC è il nome del “nuovo” Browser asiatico, sviluppato dalla società cinese Internet mobile UCWeb ed è di proprietà di Alibaba Group of China. Originariamente lanciato nell’aprile 2004 come applicazione solo J2ME, è disponibile su numerose piattaforme tra cui Android, BlackBerry OS, iOS, Java ME, Symbian, Windows Phone e Microsoft Windows.

Una breve parentesi su Alibaba, il più grande gruppo di e-commerce cinese fondato da a Hangzhou nel 1998 da Jack Ma; l’azienda conta circa 500 milioni di clienti. A differenza dei due colossi dell’e-commerce, Amazon e Ebay, il gruppo Alibaba è nato con lo scopo di aiutare i piccoli commercianti cinesi a vendere le loro merci online; assumendo un’ottica localistica. Ma non perdiamo il focus! Stavamo parlando di UC il Browser che ha conquistato l’Asia; addirittura in alcuni Paesi asiatici supera Chrome nella navigazione da smartphone.

Sebbene Google mantenga ancora il primato a livello mondiale come il motore di ricerca più utilizzato, in alcuni paesi asiatici viene superato da UC, un browser che in Occidente è ancora sconosciuto.

Secondo il Wall Street Journal, oltre il 50% delle persone, in India, usa UC Browser per navigare in Internt su Smartphone, contro il 30% di Google; mentre in Indonesia il divario è meno marcato: 41% contro 34%.

Il motivo del successo? UC browser intuitivo, veloce; infatti, usa l’accelerazione del cloud e la tecnologia di compressione dei dati e i server di UC Browser fungono da proxy che comprime e rende i dati delle pagine Web, prima di inviarli agli utenti. Proprio questo processo aiuta a caricare i contenuti web più velocemente. In più, UC Browser occupa poco spazio in memoria. Tutti aspetti che si adattano bene a mercati in cui dominano dispositivi di bassa fascia con poca memoria interna. La crescita del nuovo Browser è solo all’inizio se pensiamo che in Asia un’alta percentuale della popolazione non ha accesso a Internet; questo significa che esiste un ampio bacino di potenziali utenti.

Non c’è solo la preoccupazione di Google nel non riuscire a mantenere il primato in alcuni stati asiatici; ma dato più preoccupante è che Alibaba si è detta disponibile a collaborare con il governo cinese nel caso fosse necessario reperire dei dati. Un elemento allarmante per la privacy delle informazioni condivise da milioni di persone che usano continuamente UC Browser.